- Il contrasto della UE alla contraffazione on-line e il divieto di vendere prodotti di lusso on-line
- L’indice IPRI del valore nazionale da attribuirsi ai diritti di proprieta’ intellettuale (IPR)

10 dicembre 2017

A) Di seguito alcune significative prese di posizione della Commissione in relazione a come intende promuovere il contrasto al contraffatto on-line, e in generale alla violazione dei diritti di proprietà intellettuale, desunte da: MEMO/17/4943.

Proactive and effective weeding out of illegal content

As a first step to effectively fight illegal content online, the Commission is proposing common tools to swiftly and proactively detect, remove and prevent the reappearance of such content:

  • Detection and notification: Online platforms should cooperate more closely with competent national authorities, by appointing points of contact to ensure they can be contacted rapidly to remove illegal content. To speed up detection, online platforms are encouraged to work closely with trusted flaggers, i.e. specialised entities with expert knowledge on what constitutes illegal content. Additionally, they should establish easily accessible mechanisms to allow users to flag illegal content and to invest in automatic detection technologies.
  • Effective removal: Illegal content should be removed as fast as possible, and can be subject to specific timeframes, where serious harm is at stake, for instance in cases of incitement to terrorist acts. The issue of fixed timeframes will be further analysed by the Commission. Platforms should clearly explain to their users their content policy and issue transparency reports detailing the number and types of notices received. Internet companies should also introduce safeguards to prevent the risk of over-removal.
  • Prevention of re-appearance: Platforms should take measures to dissuade users from repeatedly uploading illegal content. The Commission strongly encourages the further use and development of automatic tools to prevent the re-appearance of previously removed content.
What will change in the cooperation with third countries in the area of IP?

  • Based on the good experience of the EU-China IP Key programme, and the technical cooperation carried out in the ASEAN region, the Commission is expanding these relations geographically and launching in parallel three IP Key programmes dedicated to IPR in China, the country members of the ASEAN region in South East Asia and all the countries of Latin America. These IP Key programmes are there to support the EU businesses and stakeholders who are already in the selected third countries or trying to access these new markets.
What is the aim of the "IP Market Watch List"?

  • The Commission, in collaboration with the European Observatory on Infringements of Intellectual Property Rights (EUIPO Observatory), will set up an IP Markets Watch List. The watch list will identify online and physical markets outside the EU that are reported to engage in, or facilitate, substantial IPR infringements. The list should promote solutions by market owners and operators to reduce the availability of infringing goods and services, as well as raise consumer awareness about the risks of counterfeiting and piracy.
· The Commission will launch a public consultation to collect information on these markets (location, volume of traffic, types of infringement goods or services, estimated harm for right holders, possible enforcement measures etc.). The data verified with the help of the Observatory will be used in the selection of the markets to be placed on the list. The first IP Markets Watch List is to be published in the second half of 2018 and will be updated regularly.

What other actions is the Commission proposing to facilitate civil enforcement?

As part of the comprehensive and balanced package of measures to further improve the enforcement of IPR , the Commission is encouraging specialisation of national judges for IP and the systematic publication of national judgements in IP enforcement cases. (1) Together with the European Union Intellectual Property Office (EUIPO), the Commission is also facilitating wider use of alternative dispute resolution to settle IP disputes.

What is the link between the current initiative and the copyright reform and the Commission Communication "Tackling Illegal Content Online"?

The Commission will also further engage with industry to improve and expand voluntary agreements to fight IP infringement and work on promoting and facilitating dedicated MoUs involving right-holders, internet platforms, advertising companies, shippers and payment service providers and continue to monitor how these MoUs make a difference in practice.

(Stante questo interesse al contraffatto, a breve noi di Noallacontraffazione offriremo un servizio non più di sola informazione, ma anche di pratica assistenza alle aziende, per l’individuazione dei prodotti oggetto non solo di contraffazione, ma anche di copia servile).

B) Un Indicatore dell’importanza della Proprietà Intellettuale in paesi UE e nel mondo

Se tutti conveniamo (come opportunamente richiamato in 2017 International Property Rights Index ), che i diritti di proprietà “engender innovation and productivity they are the most effective mechanism to guarantee civil rights and civil liberties,…….as in modern democratic and liberal republics sovereignty is also an attribute of citizenship and not only of the nation-state” non possiamo poi esimerci dal considerare, in una epoca di digitalizzazione spinta come l’attuale, l’importanza rivestita dai diritti di proprietà intellettuale (IPR) all’interno dei primi.

E, per conferire evidenza empirica al valore degli IPR, riteniamo siano utili le indicazioni dell’indice IPRI, stimato da Property Right Alliance (ved sub link sopra indicato).

L’indice IPRI deriva dalla composizione di tre macro sub-indici: 1. Legal and Political Environment, LP 2. Physical Property Rights, PPR 3. Intellectual Property Rights, IPR. Che, a loro volta, riflettono i seguenti micro sub-indici:

- Legal & Political Environment LP : Judicial Independence - Control of Corruption - Rule of Law Political Stability

-Physical Property Rights PPR: Protection of Physical Property - Rights Registering Property - Ease of Access to Loans

-Intellectual Property Rights IPR: Protection of Intellectual Property - Rights Patent Protection - Copyright Piracy.

I dati disaggregati presentati nel testo dell’IPRI consentono – però - di isolare paese per paese l’incidenza del solo fattore IPR (Intellectual property Rights, costituito dall’insieme delle componenti: Intellectual Property Protection + Patent Protection + Copyright Piracy Level ) da quello degli altri (LP e PPR), ai fini della determinazione del valore medio complessivo dell’indice IPRI. E’ così possibile esaminare la posizione dei diversi paesi nella graduatoria per il 2017, che li vede in ordine decrescente in base al valore attribuito a tale indicatore di difesa dei diritti di proprietà intellettuale.

Nuova Zelanda 88255 - USA 87155 - Svezia 84900 - Giappone 84578 - UK 84570 Canada 82624 - Australia 82204 - Austria 82121 – Francia 80924 - Germania 76642 - Sud Africa 74508 – Rep. Ceca 72859 - Portogallo 70152 – Sud Corea 69474 - Slovacchia 68684 - Italia 67930 - Spagna 67542 - Polonia 61142 - Lituania 60732 – Grecia 60255 - Slovenia 59283 – India 58662 - Brasile 57459 - Romania 57413 – Cina 56136 - Arabia Saudita 55516 - Turchia 54623 –Lettonia 52544 - Russia 49432 – Argentina 48378.

Se, invece consideriamo la posizione del nostro paese nella graduatoria dell’indice IPRI nel suo complesso - e non solo limitatamente alla sua componente IPR - notiamo che su 127 paesi ci collochiamo al 49^ posto, vicino alla Cina (52^), ma al di sotto di Ruanda, Giordania e Botswana,..!?

C) Ammessa la possibilità di inibire a distributori la vendita on-line di propri prodotti di lusso , a fini di salvaguardia degli stessi .

In merito all’utilizzo dell’online per la vendita di prodotti di lusso, è utile citare le motivazioni evidenziate nella sentenza della Corte di Giustizia UE che, nella causa C-230/16, ha consentito al grande produttore di cosmesi Coty Germany di vietare ad uno dei suoi distributori di vendere in Germania i suoi cosmetici di lusso avvalendosi della rete online di Amazon.de. Dal testo della sentenza: “il quadro contrattuale che vincola le parti comprende un accordo aggiuntivo riguardante la vendita via Internet, il cui articolo 1, paragrafo 3, prevede che «il depositario non può utilizzare un nome diverso o servirsi di un’impresa terza per cui non sia stata concessa l’autorizzazione».

“In seguito all’entrata in vigore del regolamento n. 330/2010, la Coty Germany ha modificato i contratti della rete che disciplinano la distribuzione selettiva nonché detto accordo aggiuntivo, prevedendo, alla clausola I, paragrafo 1, primo comma, del medesimo che «il depositario è autorizzato a proporre e a vendere i prodotti tramite Internet, ma a condizione che tale attività di vendita online sia realizzata tramite una “vetrina elettronica” del negozio autorizzato e che venga in tal modo preservata la connotazione lussuosa dei prodotti». Inoltre, la clausola I, paragrafo 1, punto 3, di detto accordo aggiuntivo vieta espressamente l’utilizzo di un’altra denominazione commerciale nonché l’intervento riconoscibile di un’impresa terza che non sia un depositario autorizzato della Coty Prestige. La Parfümerie Akzente ha rifiutato di sottoscrivere le modifiche apportate al contratto di distribuzione selettiva. La Coty Germany ha proposto un ricorso dinanzi al giudice nazionale di primo grado affinché quest’ultimo vietasse alla convenuta nel procedimento principale, ai sensi di detta clausola I, paragrafo 1, punto 3, di distribuire i prodotti del marchio controverso mediante la piattaforma «amazon.de»………..

Ora, una vendita online di prodotti di lusso tramite piattaforme che non appartengono ad alcun sistema di distribuzione selettiva di tali prodotti, nell’ambito della quale il fornitore non ha la possibilità di controllare le condizioni di vendita dei suoi prodotti, determina il rischio di uno scadimento della presentazione di detti prodotti su Internet, idoneo a nuocere alla loro immagine di lusso e, quindi, alla loro stessa natura . Da ultimo, in considerazione del fatto che tali piattaforme costituiscono un canale di vendita per ogni tipo di prodotto, la circostanza che i prodotti di lusso non siano venduti tramite siffatte piattaforme, e che la loro vendita online si effettui unicamente nei negozi online dei distributori autorizzati, contribuisce a tale immagine di lusso tra i consumatori e, pertanto, al mantenimento di una delle caratteristiche principali di tali prodotti ricercate dai consumatori . Pertanto, il divieto imposto da un fornitore di prodotti di lusso ai suoi distributori autorizzati di avvalersi in modo riconoscibile di piattaforme terze per la vendita tramite Internet di tali prodotti, è adeguato a salvaguardare l’immagine di lusso di detti prodotti.

Pertanto, ai distributori autorizzati è consentito vendere online i prodotti oggetto del contratto sia mediante propri siti Internet, qualora dispongano di una vetrina elettronica del negozio autorizzato e il carattere lussuoso dei prodotti sia salvaguardato, sia tramite piattaforme terze non autorizzate se l’intervento di queste ultime non è riconoscibile dal consumatore” .