Limitazioni al parassitismo pubblicitario

28 maggio 2013

(Per info: Il Sole 24 ore del 28/05/2013 art a firma di P. Mac)

La Cassazione, con sentenza n 13090, ha accolto la richiesta di una società inglese di inibire l’uso del suo noto logo ad una società alla quale era stato successivamente concesso di utilizzare in Italia lo stesso nome. Interpretando le norme del decreto legislativo n. 490/92 alla luce della direttiva comunitaria n 89/104/CEE, sul ravvicinamento dei marchi d’impresa, ha inteso garantire al marchio estero più noto una più ampia protezione rispetto ai marchi comuni. E ciò al fine di evitare che una società meno nota possa mettere in atto azioni di parassitismo pubblicitario.