Tira il settore dei finti vini e liquori italiani

9 aprile 2013

(Per info: Il Sole 24 ore del 09/04/2013 articolo a firma E.Sc)

In Croazia dovrebbero rinunciare a produrre un loro bianco chiamandolo Prosecco, mentre in Germania analoga imitazione Italian Sounding del nostro vino si fa con il Kresecco, e la stesso dicasi per il Marsala Made in USA o per il Barbera “bianco” rumeno. Vini e liquori contraffatti, secondo Coldiretti arrecherebbero un danno pari a c.a. 200 mio Euro al nostro paese. Ma il fenomeno nel suo insieme dovrebbe essere esteso anche a possibili contraffazioni perpetrate nel nostro stesso paese, quando si vende olio “Made in Italy” ad un prezzo troppo basso per giustificarne tale provenienza