I “fake” si battono a scuola e in teatro con cultura e informazione

10 aprile 2016

Il testo che segue è ripreso dai comunicati stampa dell’attrice Tiziana Di Masi.

Fermiamo la Contraffazione
, questo il titolo del progetto nazionale di educazione all’acquisto legale e consapevole organizzato dalla Confcommercio con l’attrice Tiziana Di Masi. (N1)

L’inizio -  Ha avuto inizio lo scorso 4 Marzo a Foggia il “Progetto nazionale di educazione all’acquisto legale e responsabile”, una iniziativa di Confcommercio di sensibilizzazione e informazione su tutti i fenomeni illegali che alterano il mercato e falsano la concorrenza a scapito delle imprese “sane”, e con particolare attenzione a contraffazione e abusivismo.

Il Teatro - Siamo lieti che si sia scelta la rappresentazione teatrale come motore di questo progetto. In quanto in tal modo si riesce a focalizzare particolare attenzione sul mondo della scuola, muovendo dalla convinzione che – per costruire una coscienza etica diffusa su tali fenomeni – sia necessario “operare dal basso” e lavorare con gli studenti, consumatori di oggi, ma che saranno i lavoratori e gli imprenditori del domani.

Il Tour - Il progetto teatrale prevede alcune tappe in giro per l’Italia e la rappresentazione dello spettacolo teatrale interpretato dalla stessa Di Masi: “ Tutto quello che sto per dirvi è falso” (ved. sito: www.tuttofalso.org) (N2), che si propone come un chiaro esempio di teatro civile in grado di affrontare il tema della contraffazione in tutte le sue sfaccettature.Allo spettacolo si alterneranno peraltro interventi informativi da parte di esperti ed istituzioni. Una rappresentazione di tale spettacolo è previsto vada in scena lunedì 18 aprile a Milano (P.za S. Fedele 1/3), in occasione del Fashion Revolution Day.

La riflessione.. E proprio questo intercalare di linguaggio delle riflessioni e di testo teatrale, sulla pericolosità di tale fenomeno, che può fare breccia sugli studenti, i più esposti al rischio - consapevole ed inconsapevole - di acquistare falsi, dato che, secondo la Commissione parlamentare anticontraffazione, lo fa regolarmente il 75% di essi. Ma è anche vero che i giovani sono più attenti e determinati a cambiare i loro comportamenti, una volta acquisita la consapevolezza dei danni creati dalla contraffazione in termini di: salute, economia, potere alle mafie che la gestiscono.

A Bologna. Tiziana Di Masi, il giorno 11 marzo scorso, è stata inoltre protagonista di una speciale performance teatrale collegata alla prima edizione di The Voice Dev4Ethic. Trattasi della prima messa in scena dei cosiddetti “talenti dell’etica intraprendente”, in occasione della giornata mondiale dell’Etica istituita dalla Federazione mondiale dei Centri e Club UNESCO. E alle 19,30 presso lo studio televisivo Publivideo2 di Bologna, sono stati narrati sul palco i 14 Cluster dell’Etica, finalizzati a presentare al pubblico gli intraprendenti dell’etica sociale, vale a dire stakeholder con idee e visioni che vale la pena di raccontare in quanto idonei a prefigurare un fututo fatto di progettualità ed azioni a beneficio dello sviluppo sociale, etico e sostenibile. La Di Masi, che vi ha partecipato con pieces del suo teatro civile dedicato alla contraffazione, ha voluto ancora una volta porre l’attenzione sulla responsabilità di chi acquista, ribadendovi che: “ ogni volta che compriamo, compiamo un gesto politico, scegliamo da che parte stare e chi sostenere con il nostro denaro. L’acquisto legale e consapevole è la nuova frontiera della partecipazione politica ”.

La Call . Importa sottolineare che The Voice Dev4Ethic e i suoi partner hanno lanciato la call pubblica MyIdea4ETHIC, aperta a tutti coloro che hanno un’idea o un progetto di sviluppo con forti elementi di innovazione in termini di impatto etico, ed attinenti ad almeno un cluster di DEV4Ethic: Sociale, Pedagogia, Trasparenza, Informazione. I progetti inviati saranno inseriti nella piattaforma Project di MyIdea4ETHIC, consultata da imprese ed investitori etici, che potrebbero sostenerli e finanziarli, www.dev4ethic.com).

-------------------------------------

(N1). Ci eravamo già occupati di questa importante performance teatrale sul nostro sito.